Con Astolfo e l'Ippogrifo sulla Luna, tra le ampolle. Alla ricerca delle #cosePerse

È primavera.

È primavera.

È successo ancora. È primavera. Vuol dire che si possono cominciare a seminare tantissime cose. Le zucchine ad esempio, o le bietole. Ma anche i sogni.
E non occorre essere ribelli per sognare, è vero. Ma occorre essere un tantino ribelli per seminarlo davvero quel sogno. E ancora un pochino di più per tornare a guardare se davvero sta crescendo, e per prendersene cura ogni giorno, come per le bietole e le zucchine. Bisogna essere ribelli perché il mondo ti ripeterà che i sogni sono solo per i bambini.
Occorre solo ricordarsi che quando si sceglie di gettare il seme della zucchina è inappropriato aspettarsi che cresca una carota.
Quindi dove hai buttato il seme del sogno ricordati di metterci un biglietto legandolo bene a un bastoncino (che il vento non se lo porti via), e scrivici sopra, a lettere cubitali, queste parole:

✨”se puoi sognarlo puoi farlo”✨
{quelle di Walt Disney}. .
Perciò #segnacarafiglia – progetta bene i tuoi sogni e getta i semi giusti, che è successo ancora: le cose nascono, germogliano e sbocciano. E nella peggiore delle ipotesi non nascerà nulla, ma potrai comunque ritentare gettando semi nuovi.

•Perché la cosa bella è che succederà ancora, ed già successo ancora, come oggi: è primavera •



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.