Tag: felicità

La prima pagella è rotonda

La prima pagella è rotonda

Sono stata a prendere la Sua pagella. La prima, della sua classe prima (di ben 3 alunni). Una giornata rotonda, che rotonda per me è la gioia. Mi ha emozionato una cosa sopra a tutte: quel suo nome scritto sopra. Il Suo. Che se mi…

La Befana e l’imperfezione che si fa incanto

La Befana e l’imperfezione che si fa incanto

Ci sono anche le mele raccolte dall’albero, quelle perfette. Ma ci sono anche le mele rotolate a terra, quelle tutte ammaccate. Quelle che si sono lasciate andare, che hanno mollato la presa. Che sulla buccia raccontano i segni dell’atterraggio. Del movimento. La perfezione spesso è…

La ricetta perfetta

La ricetta perfetta

Quando chiedo una ricetta di qualcosa a mia nonna lei mi risponde sempre che la ricetta perfetta è saper fare con quello che c’è!
😶😶😶
In effetti ogni giorno ha i suoi ingredienti.

Poi sta a chi ci vive dentro (a quel giorno) tirarli fuori e saperli impastare, mescolare e trasformare.
Sceglierne alcuni, lasciarne altri.
Non pensare solo ad un elenco di quello che manca, ritenendolo essenziale. Ma cercare anche dentro a quello che c’è, valorizzandolo!
E alla fine spolverare il tutto di entusiasmo.
È una bella ricetta, preziosa. Lenta e antica. 

✨Il mio augurio è la ricetta perfetta:

che è arrangiarsi con quello di cui si dispone

(per confezionarci il meglio possibile) ✨ 

•Un giorno per volta•

A questo 2017, intanto, dico GRAZIE
A questo 2018, intanto, chiedo PERMESSO. .

.{Cari Auguri, comunque Rotondi, pieni di ingredienti buoni e inconfondibili come quelli che stiamo mescolando qui}
✨💫✨💫✨
#happynewyear #buonanno #grazie2017 #welcome2018 #ricetta #preziosa #dolci #instalove #dicembre #cute #myworld #foodporn #food #picoftheday #countrylife #countrystyle #letsgo #vitadamamma #beyourbestyou #lessismore #colors #igers #mybestway #coseperse

L’Emozione, quando va in scena

L’Emozione, quando va in scena

L’emozione, quando va in scena, è fatta così. Assomiglia tanto al bisogno di scostare il sipario calato sul mondo, intorno a quello che è fuori da te. Assomiglia tanto al bisogno di stringersi dentro ad un abbraccio, intorno a quello che è dentro di te.…

Riempirsi della prospettiva di uno sguardo

Riempirsi della prospettiva di uno sguardo

È bello scoprire che nella vita ci sono milioni di strade possibili. È ancora più bello però quando ti trovi a percorrere quella strada che ti fa dimenticare del fatto che possano esisterne altre milioni, perché quella su cui stai correndo è incorniciata coi tuoi…

Sul loro tempo

Sul loro tempo

Quando vado ai colloqui con le maestre dei miei bimbi la cosa che mi solletica di più il condotto lacrimale, è la percezione della loro effettiva esistenza.

Cioè, mi spiego meglio, io lo so che loro esistono, eccome. Ne ho le prove quotidiane. Ma quando mi trovo davanti a persone esterne che mi parlano di loro, del loro modo di camminare dento ai giorni, del loro tempo che io non vedo, ecco quello mi tocca sempre il cuore.

Perché, in fondo, il fatto che ci sia un tempo che va avanti da solo si traduce proprio nella consapevolezza che loro SONO. É una cosa meravigliosa. È una cosa che comunque, sempre, a me solletica il condotto lacrimale!

Come se davanti ad un Presepe che stai ammirando, ad un certo punto, ti accorgessi che dentro c’è davvero qualcuno che si muove di moto proprio,

qualcuno che calca i passi della tua meraviglia costringendoti all’incanto
🤫🤫🤫🤫🤫

Con indosso gli occhi di un bambino

Con indosso gli occhi di un bambino

E poi Dicembre è il mese di Babbo Natale, dei folletti. Di tutte quelle cose che non le hai mai viste. E diciamocelo, spesso un modo facile per crederci davvero, resta vedere. Ma tu la vedi la fame? La vedi la sete? La vedi la…

Desiderio è percezione dell’assenza

Desiderio è percezione dell’assenza

E poi Dicembre è fatto di luci. Quelle che si appendono ovunque ad illuminare gli angoli, le strade, le vetrine, è fatto di desideri da inventare. Ma oggi è fatto anche di una luce appesa che illumina dove vuole lei. E nasconde le stelle. Una…

Qui ancora non è Natale, ma meraviglia sì

Qui ancora non è Natale, ma meraviglia sì

Qui da noi ancora non è Natale.

Novembre qui è fatto di foglie sempre appese ma poche, di rami che sembrano mani che si allungano a solleticare le nuvole, di buio che arriva presto e ti entra col freddo dalle narici, che alzi il mento e guardi il cielo e in effetti ci sono molte più stelle e scoprirle ti fa dire: “Ohhhhh».

Novembre qui è fatto della neve che è venuta tanta e poi se ne sta già andando, ma che ha promesso di tornare; una neve liberamente sparsa, non come quella delle piste battute; una neve che se ci cammini sopra sprofondi e lei ti entra nelle scarpe e ti fa dire: “Ohhhhh».

Novembre qui è fatto di legna da portare in casa, di profumo del bosco che si conserva tutto dentro al faggio tagliato, di camino acceso per arrostirci le ultime castagne che forse tra dieci una buona la trovi, e ti fa dire: «Ohhhhh».

Novembre qui ti costringe a raccogliere la meraviglia giorno per giorno, da usare per condirci, poi, tutto quel tartan meraviglioso di cui vestire gli occhi, insieme alle mille luci, dentro ai giorni di Dicembre.
Nonostante tutto, continuo ad amare alla follia la lentezza: quella lentezza dell’ordinarietà che ti sorprende senza clamore.

Ecco, da noi ancora non è Natale.

Però è bello sapere che poi arriva
✨✨✨✨✨

Quelle cose che non si ricordano ma che nemmeno si dimenticano

Quelle cose che non si ricordano ma che nemmeno si dimenticano

Oggi ha compiuto gli anni la mia super Mamma. E pensando a dei regali mi sono trovata a ragionare a quanto lei abbia regalato a me. Nientemeno che la vita e tutto quello da lì in poi passa ed è passato… un po’ tutto, ecco.…