Dell’attingere alla gioia

Dell’attingere alla gioia

Quali sono le cose che ti regalano gioia?


Nei momenti di massima lucidità bisognerebbe compilare un breve elenco stagionale a cui attingere al bisogno.


Tanto per avere sempre alla portato di mano rimedi facili.
Nel mio elenco:

  1. Le mondine (o caldarroste), rigorosamente fatte nel camino, da covare, pelare e mangiare tingendosi di nero polpastrelli e bocca.
  2. Le erbe aromatiche recise all’aperto da sbriciolare tra le dita.
  3. La pasta frolla cruda da modellare e da assaggiare abbondantemente.
  4. I tubetti dei colori da mescolare e annusare.
  5. Un’amica da chiamare e consolare consolandosi.
  6. La neve da aspettare per essere sicuri di fermarsi un attimo.
  7. Una tenda da scostare per guardare fuori e essere certi di intravedere quello scorcio che già si conosce ma un po’ diverso.
  8. Un bel libro sul comodino da iniziare e leggere l’ultima parola dell’ultima pagina, poi pensarla a lungo e immaginarsela dentro ai giorni.
  9. Un paio di ciabatte morbide da indossare e scaldare i passi che ancora restano.
  10. I bacini dati ai bimbi mentre dormono, che fanno pure pensare a quelli che non ricordo ma che senz’altro ho ricevuto.


Ecco. Stasera le castagne hanno fatto il loro dovere. E con i polpastrelli ancora neri sento tutta la gioia che mi occorreva!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.