Tutto questo è tuo

Tutto questo è tuo

Le ho preso la mano e le ho detto tutto questo è tuo.
Eravamo davanti a una montagna di vestiti da lavare.

Capito?
Io penso che l’amore passi anche da lì:
Dal •mi prendo cura di te• punto e renderla la certezza che muove il presente.


Poi l’ho portata fuori a vedere la nostra montagna, invece.
Che il Pradaccio, vicino alla cima, è tutto innevato.
Lì dove ci portava a pascolare le bestie la Tina.
Io invece ci porto voi, te, ogni volta che riesco.

Capito?
Io penso che l’amore passi anche da lì:
Dal farsi bastare quell’•ogni volta che riesco• e renderla l’ipotesi confortante del futuro.

E mentre ero lì, nel freddo pungente, ho realizzato che non ho più il mio adorato fuoristrada, che però non era mio ma di AbbiFede. E infatti AbbiFede l’ha venduto. E quindi come ci torno su al Pradaccio?! E allora niente AbbiFede me l’ha spiegato come fare: “te ne compri uno!”.
E adesso me lo compro proprio, che pazienza tutto ma la Montagna io la devo raggiungere.
Capito?
Io penso che l’Amore passi anche da lì:

Dal trovare il modo •per raggiungere quello che comunque resti•, dove puoi stare proprio bene, e renderla la lezione più preziosa del passato.

Sai da dove passa meglio l’amore?
Da quelle strade meno battute.
{Dove si arriva meglio con il fuoristrada}


•Mi prendo cura di te, ogni volta che riesco, per raggiungere quello che comunque resti•



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.